Mercato coperto, un tesoro da valorizzare

“Una Gorizia lontana. Sergio Altieri.Tempere su tela dal 2010 al 2015”.

 

Gopolis è lieta di presentare questa mostra di uno dei più significativi artisti goriziani, sergio Altieri. A lui è dedicata la nuova mostra proposta nelle sale della Galleria Leg Antiqua di Gorizia - corso Verdi 73 - dal 28 novembre 2015 al 10 gennaio 2016. Saranno esposte 22 opere inedite realizzate negli ultimi cinque anni di attività dell'artista, uno degli esponenti più significativi della pittura del Friuli Venezia Giulia, noto anche in Italia e all'estero. Per la prima volta nell'arco della sua lunga carriera, iniziata nel 1949 nello studio di Gigi Castellan a Cormons, Sergio Altieri presenta dei temi nuovi, reminiscenze e ricordi di Gorizia fra gli anni 1940 e 1950. Orari : tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30-

 

Sergio Altieri, una breve biografia

Sergio Altieri (Capriva del Friuli 1930).Vive e lavora a Capriva del Friuli. Nel 1949 frequenta, assieme a Ignazio Doliach, lo studio del pittore cormonese Gigi Castellani. Aderisce al Movimento neorealista e partecipa alle riunioni del Sindacato artisti in Vicolo Florio a Udine dove incontra  Giuseppe Zigaina e Pier Paolo Pasolini. Partecipa all’attività dell’Associazione Provinciale Artisti Isontini esponendo a Gorizia, Nova Gorica, Villach, Venezia e Milano. Entra in rapporto d’amicizia con Cesare Mocchiutti, Ostiglio Gianandrea, Cesare Devetag, Armando Depetris, Mario Sartori, Mario Tudor, Raul Cenisi. E’ uno dei fondatori del Gruppo Internazionale d’Arte Visiva “2xGO” che comprende artisti di Gorizia e di Nova Gorica (allora Jugoslavia) partecipando alle mostre di Nova Gorica, Genova, Venezia, Idrija, Trieste. Ljublijana, Medea e Gorizia. Viaggia molto in Europa, soprattutto nell’area balcanica, in Austria, Germania, Francia, Grecia, Turchia. Attraversa la Jugoslavia passando dalla Macedonia al  Kosovo in compagnia di Ignazio Doliach e di altri amici goriziani. Espone alla VIII e IX Quadriennale d’Arte di Roma ed è presente a Milano  alle importanti rassegne  del Premio San Fedele e del Premio Diomira. Nel corso degli anni ha allestito mostre personali a Venezia, galleria “Il Traghetto”  (1965, 1968,1973,1991); a Milano nelle seguenti gallerie: “Totti”  (1960), “La Parete” (1963), “Renzo Cortina” (1971). Nel 1971 alla galleria “Il Salotto” di Genova e nel 1974 alla “Nuova Margutta” di Roma. Nel 1977, a Vienna, alla galleria “Wolfrum” e tante altre. Numerosissime le presenze in regione. 1995, alla Società Operaia di Pordenone. 2000, al Museo del Patriarcato di Aquileia. 2003, al Castello di Colloredo di Monte Albano. 2004, Palazzo Cecchini di Cordovado. La Galleria Regionale d’Arte Contemporanea “Luigi Spazzapan” di Gradisca d’Isonzo ospita una sua grande antologica nel 1979; la mostra, che ottiene vasti consensi, è presentata dal critico Mario De Micheli. Nel 1990 altra antologica a Pordenone, alla Galleria Sagittaria, presentata e curata da Giancarlo Pauletto , critico di Portogruaro. Dal primo novembre del 2008 al 18 gennaio del 2009, sempre a cura di Pauletto, il primo piano di Villa Manin di Passariano ospita la mostra più completa sul lavoro dell’artista caprivese intitolata “ Sergio Altieri. Figure del Mito. Opere 1949 – 2008 ”. Segue nel 2011 la personale nel salone dell’Abbazia di Sesto al Reghena dove Altieri espone alcuni quadri ispirati dagli affreschi di scuola giottesca che si possono ammirare in quel importante sito storico. Dipinge un riquadro del “Muro delle cinque lingue” a Piedimonte del Calvario (Gorizia) lungo il muro di cinta dell’ex Cotonificio.  

 

Galleria foto: Sergio Altieri alla Leg