Mercato coperto, un tesoro da valorizzare

CHIOZZA NON VEDE LE FROTTE DI TURISTI

05.11.2015 22:14

I turisti entrano  a frotte ai musei e noi siamo felici, ma chi tocca il turismo rischia grosso. Secondo l'assessore provinciale  Portelli il presidente Chiozza spara "balle colossali". Affermazione che noi di gopolis conosciamo  molto bene.  Sarebbero balle colossali anche i tentativi ancora in corso di regalare la storia di Gorizia, ovvero i Musei provinciali, alla Regione. Non ci interessa difendere  Chiozza. Ma poichè  da circa sessant'anni abbiamo imparato a leggere, il presidente della Fondazione Carigo  ha semplicemente detto una sacrosanta verita': Gorizia citta' Santa, città Martire che, secondo una corrente di pensiero che noi di gopolis NON condividiamo, dovrebbe  puntare  tutte le sue carte sul Novecento,  non ha proposto un'idea decente, interessante, per il centenario della Prima Guerra mondiale... 

Parliamo di iniziative che oltrepassino l'Isonzo, che mettano in luce nazionale e internazionale  il tragico e importante ruolo della nostra città  durante la Grande Guerra. Basta scorrere il triste elenco dei progetti approvati dalla regione e finanziati per rendersene conto, dove Gorizia brilla per la sua assenza propositiva. Portelli attribuisce poi a una sorta di Spectre  goriziana quella che sembra essere la sua ossessione, ovvero le poltrone su cui poggiare le impavide terga. Sospetta un complotto turistico -culturale-museale. Ma stiamo tranquilli, l'intrepido assessore si mettera' di traverso al tentativo in corso " di creare un carrozzone". A meno che non sia quello suo e del suo presidente,  beninteso. 

antonio devetag 

gopolis